.

Articoli, news e altre informazioni sul mio impegno.

Per Aleppo e per Berlino

Pisa contro la violenza: martedì 1 minuto di silenzio in consiglio comunale, oggi marcia di solidarietà. Bandiere del Comune a mezzasta

bimbaaleppoAncora una volta di fronte agli eventi terribili che accadono nel mondo Pisa fa sentire la sua voce. Domani, mercoledì 21 dicembre, dalle 18 una marcia di solidarietà per la popolazione di Aleppo e per i fatti di Berlino. All’iniziativa aderisce e partecipa l’Amministrazione Comunale. Partenza da piazza Cavalieri e arrivo in piazza dei Miracoli. In apertura del consiglio comunale di martedì 20 dicembre è stato osservato un minuto di silenzio.

Marcia di solidarietà, l’invito degli organizzatori all’adesione - Come cittadine e cittadini della provincia di Pisa sentiamo la necessità di esprimere la nostra solidarietà alla popolazione civile siriana e alla lenta agonia che la terribile guerra in corso sta causando. Pur consapevoli del mero valore simbolico della nostra iniziativa, crediamo necessario scendere in Piazza per dire basta, per esprimere il nostro sdegno verso un vero e proprio massacro che si è perpetrato nella colpevole indifferenza della “comunità internazionale” . In queste ore, mentre scriviamo queste righe, apprendiamo con prudente soddisfazione che è stato raggiunto un nuovo accordo per il trasferimento di civili da Aleppo est. L’accordo prevede, oltre alla liberazione dei villaggi sciiti di al Foua e Kefraya attualmente sotto il controllo dei ribelli, il trasferimento di feriti dai villaggi di Madaya e Zabadani al confine con il Libano e il completamento dell’evacuazione delle zone di Aleppo sotto il controllo dei ribelli. Ma è già troppo lunga la scia di sangue e sofferenze, e troppi sono gli occhi senza speranza dei bambini siriani che vediamo ogni giorno. Vi chiediamo quindi di scendere in strada con noi a Pisa, mercoledì 21 dicembre dalle 18, per una marcia di solidarietà alla popolazione civile della Siria che ci porterà da Piazza dei Cavalieri, fino a Piazza dei Miracoli. Vi chiediamo di partecipare, portando con voi una fiaccola, al nostro ideale, forte abbraccio a tutte quelle famiglie e quei cittadini siriani che stanno soffrendo per colpe non loro.

banner