.

Articoli, news e altre informazioni sul mio impegno.

Bus e PisaMover, Cna e Comune si siedono al tavolo


Incontro per organizzare i bus turistici non di linea

busIl portavoce dei bus Cna Riccardo Bolelli (sia a livello locale che nazionale) ha incontrato nel pomeriggio il sindaco di Pisa Marco Filippeschi, per poter direttamente rappresentare il disagio degli operatori del trasporto persone in questi primi giorni di applicazione dell’ordinanza che ha vietato l’accesso ai bus nell’area del terminal aeroportuale, per dirottarli verso il parcheggio scambiatore Aurelia collegato al Pisamover. «Dando per assodato che c’è una determinata volontà dell’Amministrazione Comunale di mantenere il terminal bus nel parcheggio scambiatore – ha annotato Riccardo Bolelli a margine dell’incontro – abbiamo da un lato fatto presente che si dovrebbe poter differenziare la posizione ed il ruolo dei bus turistici che non hanno flussi regolari e che hanno solo l’esigenza di fare le operazioni di carico scarico dei passeggeri nel modo più semplice e veloce possibile, da quella delle linee autorizzate e del trasporto pubblico locale che hanno altre esigenze operative. In ogni caso noi siamo impegnati fin d’ora a minimizzare l’impatto per i passeggeri dei bus che dovranno fruire del sistema parcheggio – navetta del Pisamover sia in termini di tempi, che di facilità di accesso, che di costi. E’ necessario minimizzare le “rotture di carico” e le modalità di transfer dei flussi di passeggeri. E su questo registriamo con favore l’interessamento in questa direzione del Comune di Pisa, confermato dalla disponibilità anticipata dai vertici del Pisamover. L’obiettivo di tutti – ha concluso Bolelli – dovrebbe essere di ottimizzare il servizio di accesso al terminal aeroportuale in tutti i suoi aspetti e per tutte le situazioni, lasciando da parte singoli egoismi e piuttosto collaborare tutti, istituzioni infrastrutture e imprese nella direzione di migliorare la capacità di accoglienza della nostra Regione e nell’ottica della migliore gestione possibile della risorsa turistica, linfa decisiva dell’economia toscana».

Fonte Cna Pisa