.

Articoli, news e altre informazioni sul mio impegno.

Aeroporto, bus e PisaMover, la Regione bacchetta Carrai


Rossi e Ceccarelli: «Le regole vanno rispettate»

pisamover«La situazione che si è determinata a Pisa in questi giorni attorno alla vicenda dei bus che trasportano gli utenti all’aeroporto richiama tutti alla responsabilità e al rispetto delle regole». Inizia così la lettera inviata dal presidente della Regione Toscana Enrico Rossi e dall’assessore ai trasporti Vincenzo Ceccarelli a Marco Carrai, presidente di Toscana Aeroporti SpA, in seguito all’avviso a pagamento uscito oggi sulla stampa quotidiana in cui Toscana Aeroporti accusa il Comune di Pisa di danneggiare l’aeroporto Galilei. Rossi e Ceccarelli rinnovano la disponibilità della Regione a trovare soluzioni condivise per lo scalo pisano, invitando inoltre ad abbassare i toni.

Ecco il testo integrale della lettera: “Egregio Presidente, la situazione che si è determinata a Pisa in questi giorni attorno alla vicenda dei bus che trasportano gli utenti all’aeroporto richiama tutti alla responsabilità e al rispetto delle regole. In uno stato di diritto anche le più dure ordinanze sindacali si rispettano e la legge mette a disposizione di tutti i cittadini, in forma privata o associativa, strumenti idonei per la tutela dei propri interessi. Pertanto, pur nel pieno rispetto che va riconosciuto a ciascuna delle parti di tutelare i propri diritti, non possiamo tollerare l’attacco alle istituzioni che si legge quest’oggi sulla stampa, portato avanti da una società come Toscana Aeroporti di cui, seppure in posizione minoritaria, la Regione Toscana è da tempo socia nell’interesse dello sviluppo infrastrutturale della Toscana. A Pisa, con la piena condivisione tra istituzioni e Toscana Aeroporti abbiamo perseguito l’obiettivo dell’intermodalità dei trasporti e della sostenibilità. In presenza di un’ordinanza comunale, non è accettabile né l’idea che qualcuno possa continuare ad ignorarla in maniera sistematica, facendo finta che non esista, né attaccare una decisione di un ente locale fuori dalle sedi preposte, cioè presso il giudice amministrativo. La Regione sta facendo la propria parte in termini dei servizi autorizzati svolti dalle compagnie che trasportano gli utenti all’aeroporto. Invitiamo tutti ad abbassare i toni, al rispetto della legge, all’uso delle sedi e degli strumenti idonei al fine di ritrovare le ragioni di un dialogo civile e costruttivo che conduca a soluzioni condivise. Per tutto questo la Regione rinnova la sua disponibilità”.

Fonte Regione Toscana